0108932159 whatsapp 3401051954 info@webdo.info

16 suggerimenti per creare un oggetto email efficace

Dato che la maggior parte di noi riceve più di cento e-mail al giorno, devi continuare a fare ogni sforzo per sedurre i tuoi lettori (indipendentemente dal fatto che ricevano le tue e-mail sul loro indirizzo e-mail professionale o personale) in modo da conservarne la fedeltà nel tempo.
Uno dei modi migliori per raggiungere questo obiettivo è assicurarsi che il maggior numero di lettori apra la e-mail per godersi i tuoi contenuti. L’oggetto email è fondamentale per raggiungere i tuoi obiettivi di marketing. Se il tuo oggetto è attraente, i tuoi iscritti tenderanno ad aprire la tua email molto di più. Al contrario, un oggetto non così ben scelto potrebbe allontanarli.
Di seguito troverai 15 suggerimenti per scrivere oggetti email efficaci.

1) Non esitate a rivelare il contenuto dell’e-mail
Nell’oggetto non essere troppo riservato sul contenuto dell’e-mail. L’abbonato dovrebbe essere in grado di capire in poche parole di cosa tratta.
Dato l’alto numero di sollecitazioni che riceve ogni giorno, non c’è possibilità che lo apra diversamente. È davvero fondamentale che lo capisca a prima vista. Inoltre, ti consiglio di inserire le informazioni più importanti all’inizio dell’oggetto (come parte di una promozione percentuale, una data di un evento, ecc.) ogni volta che puoi.

2) Scrivi un oggetto il più corto possibile, ma mantienilo sufficientemente chiaro
Come regola generale, prova a limitarti a 50 caratteri quando scrivi un oggetto newsletter. Se non lasci alcun mistero, l’utente potrebbe perdere interesse ad aprire l’e-mail. Ti consiglio di rimanere il più conciso possibile. È molto probabile che non lo leggerà tutto se è troppo lungo. Inoltre, i client di posta elettronica spesso limitano, in base alle proprie regole, il numero di caratteri che possono essere visualizzati.

Client di posta elettronica: numero massimo di caratteri visualizzati nell’oggetto
Yahoo e Gmail 77
Prospettive 60

3) Usa un nome di mittente familiare
Pensa a quale consiglio daresti ai tuoi figli: non aprire la porta agli estranei! Con la proliferazione dello spam, molti utenti evitano di aprire e-mail ricevute da persone che non conoscono o che non possono identificare rapidamente.
Tuttavia, molti professionisti del marketing ancora oggi non ne tengono conto e continuano a utilizzare indirizzi come noreply@domain.com. Questo tipo di indirizzo non solo rende l’e-mail completamente impersonale, ma impedisce anche agli utenti di identificare chiaramente il mittente dell’e-mail o della newsletter.
Lo abbiamo sperimentato anche noi: per le stesse email, c’è un enorme miglioramento del tasso di apertura quando le inviamo usando il nome personale piuttosto che il nome dell’azienda.

4) Personalizza l’oggetto
Chi non apprezza di essere identificato come individuo piuttosto che come semplice record in un database? Vi consiglio di utilizzare quella che chiamiamo personalizzazione esplicita. Ciò consiste nell’identificare l’abbonato con il suo nome nell’oggetto. Questo è un modo semplice e carino per distinguerti dalla concorrenza poiché anche se questo è un metodo ora ampiamente accessibile, troppo pochi marketer lo usano.

5) Invia il messaggio giusto alle persone giuste utilizzando la segmentazione del pubblico
Non esiste un metodo valido per tutti, pertanto, prova a segmentare il tuo pubblico e ad affrontare ogni segmento in modo diverso. Eviterai oggetti troppo generici che tendono a non avere senso per nessuno dei tuoi iscritti. Segmentando il tuo database in newsletter sportive, ad esempio newsletter economiche, gli oggetti saranno più personali e in linea con gli interessi dei tuoi iscritti.

6) Mostra attraverso l’oggetto che arrivi al momento giusto
Conosci il mantra vero? Il contenuto giusto per la persona giusta al momento giusto. In realtà inviare un’e-mail al momento giusto ora è possibile con gli strumenti di analisi. Inoltre se invii newsletter specifiche (news internazionali ad esempio) riservate ai tuoi abbonati premium, un tipico esempio di oggetto e di email interessante sarebbe avvisare l’abbonato premium che il suo abbonamento scade tra 2 settimane e che dovrebbe essere meglio rinnovarlo prima che scada per evitare il rischio di cancellazione e perdersi le ultime novità. Se riesci a mostrare che le tue email raggiungono l’abbonato al momento giusto nel tuo oggetto, sarà più propenso ad aprire l’email.

7) Limitare le lettere maiuscole e la punteggiatura
Non credo di aver mai incontrato nessuno che apra ancora email il cui oggetto sia scritto in maiuscolo o pieno di punti esclamativi o interrogativi. È ovvio che queste pratiche (sempre meno comuni devo confessare) dovrebbero essere evitate il più possibile. I client di posta elettronica che li considerano spam possono sanzionarli pesantemente. Questo chiaramente danneggerà la tua consegna. Anche se capisco che vuoi esprimere il tuo entusiasmo, sappi che ci sono altri metodi per farlo.

8) Concentrati sull’azione
L’obiettivo principale quando invii una newsletter o un’e-mail è ovviamente che venga aperta. Per raggiungere questo obiettivo, possiamo dotare l’oggetto dell’e-mail con un link di “invito all’azione” (CTA). Un oggetto ben costruito che inizia con un verbo di azione darà all’utente l’incentivo ad aprirlo. Osserva attentamente la parola che usi però, l’utente non deve sentirsi oppresso, obbligato o attaccato dal tuo oggetto, con il rischio di finire nella cartella spam!

9) Fai sentire speciale l’abbonato
La personalizzazione di cui abbiamo parlato sopra è già un grande passo per far sentire speciale l’abbonato, ma puoi andare oltre. Puoi coinvolgere ancora di più l’abbonato dimostrandogli che è eccezionale e che è per questo che riceve la tua email (fortunato lui). Per illustrare il mio scopo, prendi l’esempio di un editore di National Daily News che vorrebbe convertire i suoi abbonati alla newsletter gratuita in abbonati a pagamento. Combinando personalizzazione e segmentazione predittiva, puoi identificare gli utenti che hanno maggiori probabilità di diventare abbonati a pagamento e inviare loro un’offerta personalizzata specifica.
Alcuni esempi di oggetti che potrebbero fare un buon lavoro:
“Nome del contatto, riceve 2 mesi di abbonamento esclusivo.”
“Nome del contatto, sei uno dei nostri lettori più fedeli.”
“Nome del contatto, un’offerta pensata appositamente per te.”
Questo non è affatto un elenco esaustivo, ma abbinando la personalizzazione alla segmentazione mostrando all’abbonato che è speciale, hai tutte le possibilità che reagisca positivamente.

10) Banna le parole di spam di tutti i tuoi oggetti
Ne parliamo spesso quando si tratta di newsletter o email. Tieni presente che questo è solo per garantire il successo delle tue campagne di marketing. Non solo hanno un impatto negativo sulla tua deliverability, ma in più impediscono l’apertura. Ecco un elenco (non esaustivo) delle parole spam più comuni.

11) Guarda il testo di anteprima dell’e-mail
Se l’oggetto è uno dei primi elementi osservati dall’abbonato quando riceve un’e-mail, non è sempre facile convincere i propri lettori con un limite di 50 caratteri. Presta la stessa attenzione al testo di anteprima che aggiungi all’oggetto. Questa anteprima è facilmente modificabile in quanto è un estratto dal testo più alto della newsletter (quello che è visibile per primo). Per questo motivo è comune vedere in anteprima “Apri email nel tuo browser”, perché molti modelli di editor di email iniziano con questa menzione.
Consiglio: Se vuoi mantenere la menzione ‘Apri email nel tuo browser’ in prima posizione nell’email, ma vuoi comunque modificare l’estratto della newsletter, inserisci semplicemente il tuo testo con una dimensione tipografica bassa.

12) Trasmetti un senso di urgenza… con moderazione
Cercare di generare un senso di urgenza è probabilmente uno dei metodi più antichi utilizzati nel marketing. Questo può rivelarsi molto efficace per spingere un utente ad aprire un’e-mail. A dire il vero non siamo grandi fan.
Preferiremmo concentrarci sulla creazione di una relazione a lungo termine con gli abbonati che abbiamo. Quindi usiamo questo approccio con parsimonia quando scriviamo un oggetto. Il rischio di questo approccio è quello di ottenere ottime prestazioni a breve termine, ma una volta che i tuoi abbonati saranno abituati a questo metodo, ciò potrebbe portare i tuoi utenti ad annullare l’iscrizione, segnalare le tue e-mail come spam o semplicemente ignorarle. Se vuoi comunque utilizzare questo metodo, assicurati di scrivere i tuoi articoli con attenzione in modo che il contenuto sia interessante e soprattutto non utilizzare questo metodo per tutte le tue campagne di email marketing.

13) Indirizzare l’utente direttamente nell’oggetto
Il tuo database è perfettamente segmentato? In tal caso, puoi rivolgere all’abbonato domande relative ai suoi interessi. L’uso delle domande è un ottimo modo per coinvolgere un abbonato, incuriosirlo o interessarlo e aumentare le possibilità che apra l’e-mail.

14) Usa icone nei tuoi oggetti
Sebbene ciò non sia sempre facile da fare nel contesto dell’editoria online, l’aggiunta di cifre o di icone all’oggetto è abbastanza efficiente. Le cifre nell’oggetto (come 15%, 3 M., ecc.) consentono all’utente di identificare rapidamente se il contenuto/offerta dell’e-mail è di suo interesse e persino di darle un’idea del tempo necessario per leggere il tuo contenuto .

15) Vai per il test AB
Ancora una volta, non esiste un trucco magico che può essere applicato per garantire il successo delle campagne e-mail in tutte le aree. Pertanto non possiamo garantire il successo di tutti i suggerimenti sopra elencati.
È qui che entra in gioco il test AB per aiutarti a confrontare le alternative e scegliere i suggerimenti che funzionano meglio per te a lungo termine.
Assicurati di confrontare una cosa alla volta durante i tuoi test, altrimenti sarà difficile trarre conclusioni.
Ora dovresti conoscere tutte le buone pratiche per migliorare l’efficienza dei tuoi oggetti e aumentare il tuo tasso di apertura. Tieni presente che la cosa più importante è che l’oggetto deve riflettere il contenuto dell’e-mail. Se sei a conoscenza di altre pratiche pertinenti, non esitare a condividerle e fateci sapere, le aggiungeremo a questo elenco e ti ringrazierò di conseguenza nei commenti.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Hai bisogno di informazioni, di una consulenza o dei nostri servizi?

7 + 8 =